ITCares è una startup innovativa che ha il grande sogno
di rendere accessibile il mondo.

 

L’utilità tangibile e il forte impatto sociale sono caratteristiche imprescindibili di ogni nostro progetto.
La democrazia informativa non è più un’utopia, ma un obiettivo possibile grazie alla tecnologia.
Per questo dopo anni di lavoro abbiamo creato PharoSuite, un’ecosistema di strumenti che permette a chiunque di creare la propria app mobile nativa in autonomia e rendere accessibili a tutti le proprie informazioni, indipendentemente dalla lingua e dalle abilità visive.

Pensate cosa accadrebbe se ogni museo, parco, istituzione, teatro, ristorante, pub, ospedale, aereoporto decidesse di adottarlo. Si formerebbero smart city accessibili, reti di reti in cui condividere informazioni di interesse a tutti.

I mezzi ci sono, manca solo la volontà!

Per sensibilizzare le persone abbiamo cercato nell’arte una fonte di ispirazione per tutti.

Per questo abbiamo realizzato PharoArt: il primo passo verso un mondo di tutti.



Vai al sito dedicato.

Le nostre competenze

Progettiamo strumenti innovativi ed immediati al fine di migliorare la vita degli utenti che ne fanno uso.

Applicazioni Web e Mobile

ITCares è specializzata nella realizzazione di portali web e soluzioni mobile Android ed iOS, per entrambi gli scenari B2C e B2B.

Accessibilità

ITCares vanta la professionalità di figure attente alle necessità delle persone disabili, in particolare ipovedenti e non vedenti.
Le nostre soluzioni sono progettate per essere utilizzate da tutti.

Innovazione

ITCares utilizza le nuove tecnologie per creare prodotti di semplice utilizzo ed utili agli utenti finali. L’innovazione è il punto cardine della nostra visione aziendale.

Il nostro Team

Incontra i professionisti che credono nel progetto ITCares.

Luca Ciaffoni

Co-Founder, Java Architect - Accessibility Expert

Fin dalla laurea Luca si è interessato dello sviluppo di soluzioni per non vedenti e ipovedenti. Lavora da molti anni in uno dei principali centri in Italia per quanto riguarda le tecnologie assistive collaborando a progetti riguardanti l’accessibilità del software e del web.
Si occupa di sviluppo del backend e dell’accessibilità delle app.

Ha sviluppato l’ app Ariadne GPS, un’applicazione per aiutare le persone non vedenti a muoversi in maniera indipendente. L’app ha avuto molto successo ed è stata inclusa da Apple nel video promozionale del keynote del WWDC 2012.

Ama viaggiare, il mare e la vela.
Quando non è al computer probabilmente sta navigando sulle onde dell’Adriatico…

Francesco Ceravolo

Co-Founder, iOS Architect

Cresciuto e laureato a Bologna in Ingegneria Informatica, negli ultimi anni vive e crea a Firenze.

Curioso ed attento alle nuove tecnologie, da sempre incline alle nuove sfide, si avvicina al mondo delle applicazioni mobile sin dagli albori, trasformando la scommessa del momento in un lavoro a tempo pieno.

La forte determinazione, l’attenzione e la cura scrupolosa del dettaglio, lo portano a pensare sempre in grande. Niente è mai lasciato al caso: ogni lavoro deve avere una struttura ed una logica portanti ben definite, spesso complesse, ed allo stesso tempo risultare pulito e semplice per chi lo deve usare.

Ama viaggiare e raccogliere nel mondo idee e novità, grazie soprattutto al contatto con la natura ed il silenzio di paesaggi sconfinati, dove finalmente lasciar correre libero il pensiero.

Tra i suoi sogni, fare il regista, scrivere un libro e lasciare nel mondo un segno tangibile del suo passaggio.

Umberto Marini

Co-Founder, Android Architect

Umberto vive e lavora a Bologna, incantevole capoluogo emiliano in cui si è trasferito per conseguire la laurea in Scienze di Internet.

E’ nato e cresciuto in Sardegna, una terra meravigliosa che ama infinitamente. La stessa dedizione che porta verso le sue origini, la mette nello studio di nuove tecnologie e nello sviluppo di applicazioni Android che siano strumento per migliorare la vita degli utenti che ne fanno uso. E’ appassionato di UX/UI design e fotografia.

Quando non sviluppa, Umberto lo potreste incontrare su un campo da pallacanestro, in viaggio per le splendide mete della sua Italia oppure in cerca di nuovi sapori enogastronomici, seduto al tavolo di un buon ristorante mangiando come se non ci fosse un domani.